FAQs

Q?

Quali sono le analisi che un privato cittadino può richiedere al Laboratorio?

A.

Qualsiasi analisi chimica e microbiologica su qualsiasi campione, che non sia un campione di tipo clinico, è virtualmente eseguibile dal Laboratorio. Naturalmente ogni determinazione analitica viene offerta al fine di soddisfare le necessità dei clienti, qualsiasi esse siano, ma deve tener conto di metodiche e procedure che, anche per ragioni economiche, non sono sempre messe in atto dal laboratorio. In tali casi il Laboratorio si avvale della collaborazione di strutture esterni che vantino maggiori esperienze nella specifica richiesta avanzata dal cliente e siano quindi dotate della necessaria strumentazione e delle relative procedure.

Ovviamente il Laboratorio offre tutta la propria consulenza ed esperienza anche nella definizione del set analitico necessario a rispondere alle particolari esigenze, al fine di indirizzare la scelta dei parametri contenendo al massimo la spesa a carico del cliente. Il tutto attraverso una chiara, diretta e gratuita comunicazione preventiva dei temi e dei costi del processo analitico, nel rispetto delle indicazioni Deontologiche del professionista.

Q?

Quali tipi di analisi vengono più comunemente richieste al Laboratorio?

A.

Il laboratorio esegue quotidianamente:

  • analisi su acque per determinarne la conformità a particolari normative (uso potabile, refluo, natatorio, ecc..),
  • analisi enologiche al fine di sostenere le aziende durante tutto l’iter di produzione e assicurare il rispetto di normative e disciplinari relativi ai vari settori enologici;
  • analisi su terreni agricoli e su terreni destinati o derivanti dall’edilizia.
  • analisi alimentari di qualunque genere al fine di accertare qualità e sicurezza dei prodotti finiti, materie prime, superfici, ecc.
  • altre analisi , come da richieste dei clienti.

Q?

Che livello di precisione viene offerto nelle risposte?

A.

Precisione, accuratezza, robustezza, sensibilità, variabilità, incertezza ecc. sono tutti parametri statistici che ogni Laboratorio deve provvedere a calcolare, per ogni metodo attuato, al fine di stimare in maniera univoca e oggettiva l’errore di ogni misura. Tale stima può essere fornita su richiesta, relativamente ad ogni determinazione analitica.

Q?

Quali sono i tempi di risposta nella refertazione delle analisi?

A.

Ovviamente i tempi di risposta variano in relazione alla tipologia di analisi richieste, al numero di parametri, ai tempi tecnici di esecuzione. Ad esempio alcune analisi microbiologiche richiedono tempi di incubazione, previsti anche dalle normative tecniche, variabili dalle 48 ore ai 5 o 10 giorni in alcuni casi. Al contrario alcune analisi enologiche, per loro natura e per soddisfare le esigenze tecniche dei produttori , vengono eseguite nell’arco di poche ore dalla consegna (ad es. solforosa libera, acido malico, ecc.).